Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4

IL PERCORSO DA CAMPIONATO

White+Red par 72 – 6.383 mt.

18 buche par 72, una lunghezza complessiva di 6.383 mt., inaugurate nel 1975 e disegnate dallo studio degli architetti Cotton, Pennink & Partners su progetto di Piero Mancinelli. Su questo percorso si sono svolti 4 Open d’Italia. Il il primo, disputato nel 1976, ha visto vincitore Baldovino Dassù che, buca per buca, ci descrive il fairway.

PRIMA BUCA

MT: uomini 450/donne 425 – PAR 5 – HCP 11

Una buca iniziale abbastanza semplice per il giocatore che si accontenti del par, ma l’entrata stretta al green ben difeso respingerà qualsiasi secondo colpo che non sia “a bersaglio” e renderà difficilmente raggiungibile “due putts per il birdie”. Nulla da guadagnare se si indirizza il drive verso il green ben visibile dalla partenza: assai meglio un drive tra l’albero e il bunker seguito da un secondo al di sopra delle quattro querce che possono essere agevolmente superate.

SECONDA BUCA

MT: uomini 385/donne 336 – PAR 4 – HCP 5

Un par 4 classico con un bunker a sinistra a 240m. sul fairway che presenta al giocatore medio la linea piu’ tranquilla per il drive. Segue però un secondo colpo in salita alquanto arduo. Il giocatore preparato a rischiare dovrebbe piazzare il suo drive sulla destra, lasciandosi così un ferro più corto per il green. E’ un green assai lungo con un’entrata strettissima fra i bunkers… meglio prendere un bastone in più di quanto non giudichiate a prima vista: e’ un colpo assai ingannevole.

TERZA BUCA

MT: uomini 181/donne 130 – PAR 3 – HCP 17

Un par 3 genuino che richiede un colpo diritto e genuino verso un green sopraelevato ed ampio senza particolari pendenze. Un bunker a sinistra difende il green ed un altro dietro ad esso protegge il tee successivo. Una piccola cosa… scegliete il bastone giusto: andar lungo sarebbe fatale!

QUARTA BUCA

MT: uomini 411/donne 353 – PAR 4 – HCP 7

Questo “dog-leg” abbastanza pronunciato e’ lungo o corto tanto quanto il vostro coraggio lo renderà. Giocare in sicurezza verso il bunker di sinistra vuol dire fare un drive di circa 230m. lasciandovi un lungo secondo mezzo cieco. Il drive ideale sarebbe un lungo ed alto “fade” mirando sopra l’alberello al vertice del dog-leg. Così facendo ridurreste il vostro secondo colpo ad un ferro e vi avvicinereste al green dal lato, ossia quello meno difeso.

QUINTA BUCA

MT: uomini 358/donne 295 – PAR 4 – HCP 1

E’ il numero 1 nella lista dei colpi e probabilmente la buca più punitiva di tutto il percorso. A destra ed a sinistra per tutta la sua lunghezza il cespugliame costeggia il fairway; il “fuori-limite” minaccia il lato sinistro; un lago e’ in agguato per inghiottire il “quick-hooks”; un bunker profondo sulla sinistra accoglie i drives troppo ambizioni; un albero solitario a centro pista fa la guardia, sovrastandolo, al “canyon” che costituisce l’approccio al green e sul cui fondo scorre un rio nascosto. Ed il green? E’ su uno spuntone di roccia circondato dalla “terra di nessuno”. Ma il green e’ di varie dimensioni, a due piani, ed il metodo per raggiungerlo e’ solo “via aria” tagliando l’angolo col drive se le condizioni lo permettono.

SESTA BUCA

MT: uomini 320/donne 267 – PAR 4 – HCP 13

Finalmente la possibilità di un vero birdie a questo corto ed invitante par 4. Il fairway si stringe a 30m. a sinistra del bunker, ma questa e’ senza dubbio la linea e lascia poco più di un wedge o un ferro 9 per il secondo colpo alla stretta piattaforma del green che spiove dal retro verso la parte anteriore. La parola d’ordine e’ “tirare il più vicino possibile alla bandiera”. Non provate a fare i furbi ed a lasciarvi un putt in salita. Vi potreste ritrovare con sand-iron in mano per il vostro terzo colpo dalla sabbia che lambisce quasi tutto il bordo anteriore del green.

SETTIMA BUCA

MT: uomini 185/donne 159 – PAR 3 – HCP 15

Da questo alto tee, costruito in pietra, l’enorme green si apre, invitante sotto di voi, dando rilievo a tutti i guai che possono attendervi sia sulla destra che sulla sinistra e perdere tutto il suo significato. Può dirsi che ha l’aspetto di un par 3 assai sincero, ma c’è in agguato un trabocchetto; l’approccio apparentemente aperto e’ inclinato verso destra ed il tee-shot che resta corto schizzerà via e può essere inghiottito dal bunker o, peggio ancora, dal ruscello.

OTTAVA BUCA

MT: uomini 380/donne 360 – PAR 4 – HCP 9

In leggera discesa lungo tutto il suo tracciato verso un green chiaramente visibile dalla partenza, la linea è ovviamente diritta. Il terreno intorno all’arrivo del drive pende verso sinistra, il drive perciò dovrà raddrizzarsi preferibilmente verso la metà destra del fairway per rimediare a questo dettaglio e guadagnare oltretutto distanza. Così giocando, supererete il lago a sinistra senza rendervi conto della sua esistenza. Un ferro corto per questo singolare green a due piani, spioventi dal fronte al retro, impone un pitch in bandiera. Un bunkerino nascosto è in agguato per coloro che usano la via facile sulla destra.

NONA BUCA

MT: uomini 350/donne 292 – PAR 4 – HCP 3

Lasciate il driver nella sacca per questo tee-shot in salita, autentico distruttore di score! Incredibilmente un lago vi attende a 230m. dal tee ed un bunker seminascosto vi sbarra la strada sulla destra. Mirando appena alla base della montagnola di sinistra qualsiasi bastone vi farà restare corto (ma non troppo corto) dal lago andrà bene. Dopodichè vi troverete alle prese con uno dei secondi colpi piu’ spettacolari e severi del percorso: attraverso 70m. d’acqua e ad un green a due piani magnificamente scolpito e pesantemente difeso su tutti i lati da bunker cavernosi. Un’altra cosa: è più distante di quanto non pensiate.

DECIMA BUCA

MT: uomini 160/donne 125 – PAR 3 – HCP 16

Un par 3 eccitante per iniziare le seconde nove, ancora una volta facendo uso del lago: con acqua da tee e green e nessuna strada alternativa, presenta un problema raccapricciante per chi ha la flappa facile. Attraversato il lago le caratteristiche principali sono i due “Is Molas bunkers” a ferro di cavallo che mordono il green, sia sulla destra che sulla sinistra. Ciò nonostante il green e’ vasto, spiove dolcemente dal retro verso la parte anteriore e dovrebbe essere un bersaglio abbastanza facile da cogliere e da restarci su.

UNDICESIMA BUCA

MT: uomini 354/donne 294 – PAR 4 – HCP 14

Un dog-leg quasi ad angolo retto verso destra con la bandiera appena visibile oltre collina, coperta di cespugli sulla destra. Potrebbe essere un birdie facile, di contro potrebbe anche significare un mucchio di guai; un canale murato accompagna il giocatore da tee a green, lungo il lato sinistro. La difficoltà maggiore consiste nel tee-shot, che più che difficile si potrebbe definire subdolo. Diritto, lungo il fairway, la linea ovvia è l’albero solitario… e vi trovate senza più fairway; mirando più a destra verso il ciuffo d’alberi vi potreste trovare fra gli alberi e senza poter tirare al green. Quando ciò è possibile il golfista lungo e coraggioso tira a tagliare sopra le montagnole quanto più si sente osare, per lasciarsi poi un corto pitch al green.

DODICESIMA BUCA

MT: uomini 465/donne 412 – PAR 5 – HCP 6

Dieci buche da quando avete giocato un par 5 ed il primo incontro con il fiume Su Tintioni; certamente una buca per un tattico consumato. Per i prudenti un colpo dal tee al centro e prima del fiume, un secondo corto a destra, lasciandosi un corto pitch a questo green a forma di banana disegnato per un par 5. Per i più arditi, un tee-shot un poco più a destra, con la possibilità di un secondo misurato al millimetro sparato all’entrata stretta del green. Per gli audaci, traversata del fiume nel punto più vicino e speranza di giocare un ferro per secondo green.

TREDICESIMA BUCA

MT: uomini 359/donne 313 – PAR 4 – HCP 4

Il “road hole” con il tee-shot di importanza basilare: a 220m. il fairway si restringe a poco più di 25m. fra il “Sahara bunker” ed il secondo lago. Una strettoia crudele e con il “fuori limite” sulla strada… meglio lasciare il cappuccio sul driver. In compenso il green e’ vasto, piatto ed aperto e non presenta problemi.

QUATTORDICESIMA BUCA

MT: uomini 140/donne 113 – PAR 3 – HCP 18

Per qualcuno forse la più memorabile delle buche corte. Con un bunker davanti e quasi interamente circondato dall’acqua, la forma del green assomiglia a quella del continente africano. Un tee-shot che passa sopra Città del Capo sarebbe l’ideale e da accesso alla parte più larga del green, ma ogni colpo indirizzato ad ovest della Nigeria impone precisione da orologiaio col ferro in mano. Questo vale per qualsiasi posizione di bandiera.

QUINDICESIMA BUCA

MT: uomini 458/donne 412 – PAR 5 – HCP 10

La buca “del muro” – un altro par 5 delicato, il più lungo par 5 del percorso dove il fuori limite vi attende sul tee oltre il muro sardo di pietrame a secco. E’ una strettoia tra il muro e la montagnola al vertice del dog-leg ed una ancor più angusta per il secondo colpo deve mandare in bianco l’insidia del bunker sul fairway. Ciò fatto un pitch normale può portare ad un possibile birdie. La via più breve, quella sopra la montagna, con il green a portata possibile, ma il Tintioni minaccia un secondo colpo impreciso.

SEDICESIMA BUCA

MT: uomini 450/donne 411 – PAR 5- HCP 8

I “beardies” di Is Molas sono la caratteristica di questo tee-shot per l’ultimo dei par 5. Avvicinatevi ad essi quanto più vi sentite in grado di fare o superateli ed il green è a portata di mano, ma l’entrata è in salita assai ripida ad un green, a due piani con un bunker spietato sul fianco sinistro. Un ostacolo più sottile, una montagnola minuscola che modella la parte destra anteriore del green rende l’approccio problematico a seconda della posizione della bandiera.

DICIASSETTESIMA BUCA

MT: uomini 362/donne 321 – PAR 4 – HCP 12

La buca va giocata esattamente come appare dal tee, facendo attenzione all’ostacolo d’acqua visibile solo una volta raggiunto. La linea ottimale risulta quella tra i due bunkers, con preferenza verso quello di destra, cercando di raggiungere la collina. A questo punto, piazzato il drive non rimane che un facile wedge per il green.

DICIOTTESIMA BUCA

MT: uomini 387/donne 341 – PAR 4 – HCP 2

Un’eccellente buca finale, par 4, che divide gli uomini dai ragazzi ed egualmente difficile anche se si ignorino il “fuori limite” e i bunkers sul fairway. Drive diritto al bunker ed avrete la miglior linea al green… ma il secondo colpo e’ cieco. Tirate il primo colpo sul lato destro assai meno pericoloso; vedrete la bandiera, ma dovrete giocare entro il lato corto piuttosto che lungo l’asse maggiore del green, arrivare e fermare la palla su questo green, stretto, sopraelevato e obliquo, e’ il vostro esame finale; il putt non pone problemi.